giovedì 3 aprile 2014

La VMC a CASA MIA!

Che dire, ho installato la Ventilazione Meccanica Controllata a casa mia, mi pare un sogno! 
C'è chi desidera un auto nuova da mostrare agli amici al bar, chi quel bellissimo ultimo tablet e chi quella TV da 40 e + pollici. Io  desideravo una VMCLo so, passo già per vecchio anche a 43 anni ma quando sento l'aria pulita dentro casa sono contento, la casa prende vita, respira, l'ossigeno pervade gli ambienti e tutto "profuma di fresco", di appena spalancato, di arieggiato.
Avevo già descritto questo sistema tempo fa nel cantiere di Una casa di Classe A, post al quale vi rimando per le varie caratteristiche generali e cosa apporta a un edificio che ha carenza di coibentazione termica e ventilazione.
E poi alla classica domanda dei miei clienti quando proponevo questo tipo di impianto "si ma lei cos'ha a casa?", non mi rimaneva che rispondere "io niente ma..", per nulla convincente direi... Poi quest'anno ho lavorato parecchio sugli impianti per migliorare il mio edificio, ma poi vi racconterò.
La scelta è ricaduta su questa macchina della francese Atlantic. Perché? Per la decennale esperienza che hanno in Francia, per le notevoli caratteristiche dell'apparecchio e per la grande professionalità e competenza di Massabieaux Rémi, un giovane, dinamico, disponibile, ingegnere francese stanziato nella sede italiana della Ygnis  a Castronno (VA) che ha dimensionato e progettato il mio efficiente impianto (qui ritratto con insieme alla sua macchina preferita :-) e dell'insuperabile logistico Umberto per la perfetta preparazione del materiale e per la grande intuizione  del posizionamento della macchina.

di seguito la macchina istallata, poi tutte le tubazioni, insieme alla soletta  verranno coperte con  16 cm di fibra di legno; la macchina sarà coibentata con xps da 12 cm.
particolare del collettore di distribuzione

della posa della coibentazione


e il settaggio dei valori di immissione con il pratico radiocomando


e i valori di Co2 e umidità? splendidi!
dopo pochi giorni il valore dell'umidità si è attestato mediamente  al 45% e dl Co2 al nostro risveglio, famiglia di 4 persone, intorno a 650 ppm


Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog! Per maggiori informazioni sui feed clicca qui
Oppure inserisci semplicemente la tua mail in alto a destra ed ad ogni nuovo articolo pubblicato riceverai una mail con un comodo link.


5 commenti:

  1. Bella ! e che canali compatti ! il tuo è un esempio che dovrebbero seguire tutti i costruttori e anche i committenti che non vogliono installa per risparmiare anche se è prevista da progetto e da certificazione !!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Claudio, mi fa piacere risentirti. Sono tubi davvero intelligenti, pensa che dentro sono lisci e rivestiti in polietilene atossico e sono alti solo 5 cm, adesso sono al calduccio sotto a 10 cm di fibra di legno. a presto

    RispondiElimina
  3. Ma volendo certificare la casa in classe A, la VMC è obbligatoria? (Veneto).
    Se il costruttore rilascia certificato di classe A (l' ente è l'università di padova se non erro), e non ha la VMC, mi devo fidare?

    Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sì fidati. Probabilmente (ma non conosco il tuo edificio) suppongo che sia al limite della classe B, ovvero sai in A ma di poco. Per essere in A piena, cioè più vicino alla A+ a mio avviso devi avere la VMC. Ti dico questo perchè ho appena consegnato due edifici gemelli da me progettati, molto compatti e isolati: entrambi senza VMC uno in A l'altro in B ma con pochi KWh/m2a di scarto. La differenza è stata che in uno, quello più performante, sono stati impiegati serramenti al top di gamma di con trasmittanze bassissime. Dai fammi sapere se ci ho azzeccato, ok? a presto

      Elimina
    2. Ti farò certamente sapere, grazie!

      Elimina