lunedì 14 dicembre 2009

La termografia




L'utilizzo della termografia permette la lettura delle radiazioni annesse nella banda dell'infrarosso da corpi sottoposti a sollecitazione termica. L'energia radiante è funzione della temperatura superficiale dei materiali e questa è a sua volta condizionata dalla conducibilità termica e dal calore specifico. Questi ultimi esprimono in termini quantitativi l'attitudine dal materiale stesso a trasmettere il calore o a trattenerlo. Quindi un materiale con valori alti di conducibilità si riscalderà velocemente ed altrettanto velocemente si raffredderà. Per effetto dei differenti valori di questi parametri, specifici per ciascun materiale, i diversi componenti di un manufatto, quale una muratura, assumeranno differenti temperature sotto l’azione di sollecitazioni termiche. Tale caratteristica è sfruttata dalla termografia per visualizzare, con appositi sistemi, i differenti comportamenti termici dei materiali. Grazie alla termografia si possono evidenziare ad esempio:
dispersioni termiche dovute a deficienze di coibentazione;
ponti termici;
umidità nelle murature;
strutture di solai in calcestruzzo armato;
presenza di canalette di impianti elettrici e/o canalizzazione di impianti idrico-sanitario e termico in funzione;
ammorsature tra strutture murarie con tessiture e materiali diversi.

Vi rimando quindi alla visione molto interessante di questo video e per chi vorrebbe documentarsi meglio l'autore pubblica sul suo sito anche esempi di indagini termografiche con molte informazioni utili.



Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!
Per maggiori informazioni sui feed clicca qui.

Nessun commento:

Posta un commento