giovedì 5 maggio 2011

Coppa Climatica: quando il risparmio energetico premia!

 energia-coppa-climatica

Per 12 mesi i cittadini europei possono sfidarsi a ridurre i consumi energetici della propria casa mettendo in pratica piccoli accorgimenti o grandi misure e utilizzando anche i consigli degli esperti a disposizione

In palio 2000 euro in premi e un viaggio a Bruxelles!

(Rinnovabili.it) – Il risparmio energetico paga. E lo fa non solo permettendo di ridurre le spese legate ai consumi. Per le famiglie europee infatti c’è la possibilità di adottare misure di risparmio ed essere premiate come “campione energetico” del proprio paese o addirittura aggiudicarsi un viaggio-soggiorno a Bruxelles. Come? Semplicemente partecipando alla European Citizen Climate Cup, la gara per ridurre la CO2 dedicata alle utenze domestiche delle diverse nazione europee. L’obiettivo della competizione, che si articola su due livelli (nazionale ed europeo), è quello di favorire l’adozione di comportamenti virtuosi volti alla riduzione dei consumi elettrici e termici domestici. Per prendervi parte è necessario collegarsi al sito e registrarsi, creando un account, nell’apposito “Acconto di Risparmio Energetico” inserendo i dati riportati in almeno 2 bollette energetiche e documentando gli interventi tecnici o i comportamenti adottati in casa per un minore e più efficiente consumo di energia. Il software ESA-Energy Saving Account monitorerà il risparmio energetico conseguito e calcolerà la riduzione delle emissioni di CO2, stilando una classifica delle squadre nazionali in concorso per determinare il “Campione energetico dell’anno” e il paese vincitore della “Coppa Climatica”. L’iscrizione permette di ricevere regolarmente consulenza energetica e suggerimenti su come ridurre i propri consumi.

“Pensate – legge in una nota stampa – che l’energia sprecata annualmente per inefficienza nelle nostre case è pari all’energia prodotta da 7 centrali nucleari da 730 MWe e che circa l’80% delle emissioni di CO2 è generata dal consumo energetico quotidiano. Abbassando il riscaldamento in casa di 1°C si può tagliare la bolletta del 10%”. Il progetto, coordinato dalla società tedesca CO2ONLINE e finanziato dalla Commissione europea, si avvale della collaborazione di 14 partner provenienti da 10 paesi europei; per l’Italia sarà Adiconsum supportare le famiglie partecipanti, dando il proprio supporto di informazione e di assistenza, ad esempio fornendo un audit energetico, ovvero un check-up energetico preliminare della propria casa, una sorta di pagella energetica.

Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog! Per maggiori informazioni sui feed clicca qui.

Seguimi ancora!

Nessun commento:

Posta un commento